Vescottelle Avellinesi

    Vescottelle Avellinesi

    1persona l'ha salvata
    35minuti


    1 persona ha provato questa ricetta

    Le Vescottelle Avellinesi rappresentano una delizia tipica dell'Irpinia veramente sfiziosa. Ottime da offrire agli amici insieme ad una bevanda calda se è inverno, oppure un bell'aperitivo fresco se siamo in estate, oppure le potete gustare insieme ad un bel bicchiere di vino bianco.

    Campania, Italia

    Ingredienti
    Quantità: 2 kg di biscotti circa

    • 1,3kg di farina
    • 1kg di nocciole tagliate a pezzetti
    • 1kg di zucchero
    • 1 bustina di cannella
    • 1 bustina di chiodi di garofano
    • 1 bustina di ammoniaca
    • succo e scorza tagliata a pezzettini di 1 arancio
    • succo e scorza tagliata a pezzettini di 1 limone
    • acqua tiepida, q.b.
    • Per la copertura
    • 250g di acqua
    • 1 confezione (75g) di cacao amaro
    • 500g di zucchero

    Preparazione
    Preparazione: 20minuti  ›  Cottura: 15minuti  ›  Pronta in:35minuti 

    1. Riscaldare il forno a 180°C. Ungere una teglia o leccarda e foderarla con carta da forno.
    2. Mescolare tutti gli ingredienti secchi, aggiungere acqua tiepida quanto basta e impastare fino ad ottenere un composto morbido ma che non si attacchi alle mani.
    3. Allungare la pasta ottenuta su una spianatoia fino ad ottenere una forma simile ad uno sfilatino da circa 2-3cm di spessore. Affettare lo sfilatino e disporre i dischetti di pasta nella teglia preparata.
    4. Infornare e cuocere per 10-15 minuti, dipenderà dal forno (attenzione perché bruciano subito). Non cuocere troppo o diverranno duri. Sfornare e lasciar raffreddare.
    5. Preparare la copertura: raccogliere in una casseruola acqua, cacao e zucchero, portare su fuoco medio-basso e cuocere mescolando spesso fino a quando è divenuto denso.
    6. Trasferire i dolcetti in una ciotola capiente. Versare la crema al cacao e mescolare con un cucchiai. Trasferirle su un vassoio e farle asciugare. Servire.

    Quantità

    Se queste quantità sembrano troppo si può fare tutto a metà o a quarta parte. Sappiate comunque che si conservano a lungo se li tenete in un luogo asciutto, magari dentro ad un boccaccio di vetro, di quelli grandi col coperchio a chiusura ermetica.

    Acqua

    La quantità di acqua necessaria può variare in base alla marca di farina che si usa. Aggiungete acqua tiepida quanto ne basta per ottenere un impasto omogeneo e che non si attacchi alle mani.

    Cottura

    I tempi di cottura sono piuttosto indicativi perché ci può essere differenza tra i vari tipi di forno, per questo conta sempre l'occhio vigile della fornaia.

    Leggi questa ricetta sul mio blog

    La cucina dei briganti

    Lette di recente

    Recensioni (0)

    Scrivi una recensione

    Clicca sulle stelline per votare questa ricetta