Pinza triestina

    Pinza triestina

    1persona l'ha salvata
    9ore45minuti


    1 persona ha provato questa ricetta

    Sono tanti i dolci della tradizione pasquale. Tra tutti la mia preferita è la Pinza triestina: il suo gusto poco dolce e ben compatto si presta non solo alla colazione pasquale ma anche a quella ....... di ferragosto!!

    lacucinadinadia Lazio, Italia

    Ingredienti
    Quantità: 1 pinza da 2kg circa

    • 250g di lievito naturale (o 50g di lievito di birra in cubetti)
    • 15g di lievito di birra liofilizzato
    • 1kg di farina 0
    • 1 bicchiere di latte
    • 300g di zucchero
    • 2 uova intere
    • 4 tuorli
    • 150g di burro sciolto
    • 2 cucchiai olio d'oliva
    • 2 bustine di vanillina
    • la buccia grattugiata di 1 arancia
    • 1 bicchierino e ½ di rhum per dolci
    • 1 cucchiaio raso di sale fino

    Preparazione
    Preparazione: 45minuti  ›  Cottura: 1ora  ›  Tempo aggiuntivo:8ore lievitazione  ›  Pronta in:9ore45minuti 

    1. In una capiente ciotola unite al lievito naturale, il lievito liofilizzato, 100g della farina e ½ bicchiere di latte tiepido in cui avrete fatto sciogliere 1/3 dello zucchero. Lasciate riposare per una decina di minuti finché la pastellina non farà delle bolle.
    2. A questo punto unite il resto del latte tiepido, in cui avrete fatto sciogliere il restante zucchero, le uova e i tuorli leggermente battuti, l'olio, il rum, la vaniglia e la scorza dell'arancia.
    3. In ultimo aggiungete 700 farina setacciata con il sale, poca alla volta, fino ad ottenere un impasto molto morbido. Fate sciogliere il burro a bagnomaria e unitelo all'impasto. Lavorate molto a mani piene, schiacciando, tirando e battendo, finché il panetto non avrà assorbito "completamente" il burro.
    4. A questo punto, anche se l'impasto vi sembrerà troppo morbido e appiccicoso, coprite la ciotola con la pellicola e lasciate lievitare per il tempo che servirà a farlo raddoppiare (circa 3 o 4 ore).
    5. Riprendete ora la ciotola, spolverizzate con i rimanenti 200g di farina e impastate finché l'impasto non l'avrà assorbita tutta.
    6. Imburrate ed infarinate o rivestite di carta da forno uno stampo a bordi alti (io spesso uso anche quelli in carta per il panettone), formate una palla con l'impasto "rimboccandolo" verso l'interno nella parte inferiore, e mettetelo nello stampo. Lasciate lievitare, sempre il luogo tiepido, fino a raggiungere il bordo delle teglia (o dello stampo di carta), ci vorranno almeno altre 3 o 4 ore nel caso abbiate usato lievito naturale fresco.
    7. Riscaldate il forno a 160°C, ventilato.
    8. Spennellate la superficie con chiara d'uovo sbattuta. Prima di infornare praticate con la forbice il taglio a Y, tipico della Pinza, partendo dal basso verso l'alto, pizzicando la pasta.
    9. Cuocete in forno caldo a 160°C ventilato per circa 1 ora, fate la prova stecchino e se uscirà umido continuate la cottura per altri 15 minuti coprendo la Pinza con carta alluminio, per evitare che si bruci in superficie.

    Consigli

    La Pinza è un dolce molto semplice ma anche molto buono e bello da vedere. L'idea è di prepararlo in monoporzione negli stampini da creme caramel, decorarlo con un bel nastro ed usarlo magari come segnaposto moooolto commestibile e godibile!

    Leggi questa ricetta sul mio blog

    La cucina di Nadia

    Lette di recente

    Recensioni (0)

    Scrivi una recensione

    Clicca sulle stelline per votare questa ricetta