Struffoli o cicerchiata

    Struffoli o cicerchiata

    4persone l'hanno salvata
    1ora30minuti


    3 persone hanno provato questa ricetta

    In Campania si chiamano Struffoli, in Abruzzo lo chiamano Cicerchiata. E chissà quanti altri nomi, in giro per l'Italia e con minime varianti, descrivono lo stesso irresistibile dolce. La sostanza è la stessa: piccole e friabili "palline" simili alla cicerchia (appunto..) aggregate e tenute insieme da un sottilissimo strato di miele caramellato. Un buonissimo dolce di Carnevale in Abruzzo e di Natale in Campania che si mantiene a lungo. Sempre che .... si riesca a resistergli!

    lacucinadinadia Lazio, Italia

    Ingredienti
    Porzioni: 8 

    • 600g di farina
    • 4 uova intere
    • 1 tuorlo
    • 2 cucchiai di zucchero
    • 1 fialetta di aroma al rum (o altro liquore)
    • 80g di burro
    • la scorza di ½ limone grattugiata
    • 1 pizzico di sale
    • olio si semi per friggere
    • 500g di miele
    • confettini colorati per decorare

    Preparazione
    Preparazione: 1ora  ›  Cottura: 30minuti  ›  Pronta in:1ora30minuti 

    1. Impastate la farina agli altri ingredienti (uova, tuorlo, zucchero, aroma al rum, burro, scorza di limone, sale) fino ad ottenere un impasto omogeneo e lasciate riposare per 30 minuti.
    2. Ricavate dall'impasto degli sfilatini spessi come un dito mignolo; ritagliate da questi delle palline (infarinatele per non farle attaccare).
    3. Scaldate l'olio e friggete le palline dopo averle scrollate dalla farina in eccesso con un setaccino. Appena saranno dorate mettetele a scolare su carta da cucina.
    4. Fate caramellare il miele in un tegame a bordi alti. Quando sarà pronto (versando una goccia di miele in un bicchiere di acqua formerà subito una pallina) aggiungete gli struffoli e mescolate con due cucchiai di legno finché il miele non sarà distribuito uniformemente.
    5. Versate il tutto sul piatto di portata inumidito con poca acqua e formate, con le mani bagnate o con l'aiuto di un cucchiaio di legno bagnato, una ciambella o se preferite una semplice cupola. Cospargete con i confettini colorati e, se volete, con cedro candito.

    Consigli

    Se volete potete formare il dolce direttamente sul piano di lavoro sempre debitamente bagnato con acqua e poi trasferirlo, una volta compattato e freddo, sul piatto di portata. Per il foro centrale usate il classico bicchiere (inumidite anche quello!). In alternativa usate una teglia da ciambellone, preferibilmente con il fondo removibile, rivestita di carta da forno bagnata e sformate quando pronto.

    Leggi questa ricetta sul mio blog

    La Cucina di Nadia

    Lette di recente

    Recensioni (0)

    Scrivi una recensione

    Clicca sulle stelline per votare questa ricetta