Pasta corta di Gragnano con carciofi e guanciale croccante

    Pasta corta di Gragnano con carciofi e guanciale croccante

    6persone l'hanno salvata
    1ora


    16 persone hanno provato questa ricetta

    Arriva la primavera e in attesa della bella stagione iniziamo a pensare a piatti meno strutturati, più freschi ma sempre appetitosi! Ottima per il pranzo di Pasqua come per una cena sfiziosa questa pasta è un passpartout veramente succulento! I carciofi (se avete la possibilità scegliete quelli Violetti di Albenga quando arriveranno a primavera), un ottimo guanciale e una cipolla di Tropea croccante e profumata! E per rendere tutto più cremoso dell'ottimo pecorino romano! Se non amate il pecorino potete usare il parmigiano, oppure metà e metà! Il risultato è assicurato: da leccarsi i baffi. Bon apetit!

    ChiamamiCuoca Lazio, Italia

    Ingredienti
    Porzioni: 4 

    • 2 carciofi violetti puliti
    • 1 cipolla rossa di Tropea (in mancanza cipolla bianca novella)
    • 120g di guanciale
    • 30g di olio extra vergine d'oliva
    • 20cl di vino bianco secco
    • 320g di pasta corta (io ho usato le trafile di Gragnano)
    • 40g di pecorino romano
    • pepe nero da macinare q.b.

    Preparazione
    Preparazione: 20minuti  ›  Cottura: 40minuti  ›  Pronta in:1ora 

    1. Pulire i carciofi, dividerli in spicchi e immergerli in acqua acidulata con un cucchiaio di farina per evitare che anneriscano.
    2. Portare a bollore abbondante acqua salata, immergervi per una decina di minuti i carciofi fino a quando risultano teneri ma non ancora cotti del tutto.
    3. Scolare i carciofi mantenendo da parte l’acqua di cottura.
    4. Tagliare il guanciale a listarelle, quindi saltarlo in una padella rovente, scolarlo del grasso in eccesso e tenerlo da parte.
    5. Pulire e affettare a velo la cipolla.
    6. In una larga padella, mettere due cucchiai di olio, aggiungere la cipolla e lasciar stufare per una decina di minuti sfumando con il vino bianco. Dovrà risultare bella tenera e morbida.
    7. Mettere a bollire l’acqua dei carciofi (se non è sufficiente aggiungere dell'acqua nuova), salare e cuocere la pasta, facendo attenzione a toglierla 2 minuti prima della fine della cottura indicata sulla scatola.
    8. Nel frattempo, aggiungere alla cipolla i carciofi precedentemente cotti, parte del guanciale, una spolverata di pepe e far saltare per qualche minuto.
    9. Due minuti prima della fine del tempo di cottura, togliere la pasta e passarla in padella, dove la farete “saltare” per altri 2 minuti (per finire la cottura) aiutandovi con poca acqua di cottura al fine di legare l’olio (ovvero la parte grassa) con l’amido della pasta (contenuto nell’acqua di cottura). Spegnere e mantecare con il pecorino e un'ulteriore macinata di pepe fresco.
    10. Guarnire con il guanciale croccante tenuto da parte e servire immediatamente.

    Consigli

    Se non trovate la cipolla di Tropea, ottima è la cipolla bianca novella (che ho usato questa volta), oppure il cipollotto fresco: entrambi saranno perfetti.

    Come pulire i carciofi

    Scopri tutti i segreti per ottenere dei cuori di carciofi perfettamente puliti nell'articolo della nostra Scuola di Cucina.

    Lette di recente

    Recensioni (0)

    Scrivi una recensione

    Clicca sulle stelline per votare questa ricetta