Marmellata di pesche e more

    Marmellata di pesche e more

    1persona l'ha salvata
    35minuti


    2 persone hanno provato questa ricetta

    Qui nello stato di Washington le more selvatiche maturano verso metà agosto, proprio quando le pesche sono dolcissime e al picco della stagione. Ed è cosi' che ho trovato l'ispirazione per questa ricetta. Non solo questa marmellata è squisita, ma ha anche un ridotto quantitativo di zucchero: per prepararla uso la pectina 2:1, importata dall'Italia, che mi permette di usare metà' zucchero rispetto alle marmellate tradizionali e di cuocere la frutta per pochi minuti, mantenendo il massimo del gusto.

    PaolaAlbanesi Washington, Stati Uniti d'America

    Ingredienti
    Quantità: 5 vasetti, circa 1600g in totale

    • 850g di pesche mature
    • 350g di more mature
    • 1 limone spremuto
    • 1 bustina di pectina 2:1
    • 500g di zucchero

    Preparazione
    Preparazione: 30minuti  ›  Cottura: 5minuti  ›  Pronta in:35minuti 

    1. Sterilizzate 5 vasetti da 350g con i relativi coperchi.
    2. Denocciolate le pesche e togliete la pelle, se viene via facilmente. Tagliatele a cubetti di circa 1cm di lato, tenendo il succo da parte. Pesate 650g di pesche e succo e mettetele in una pentola insieme alle more e al succo di limone. Usate una pentola grossa, per contenere eventuali schizzi.
    3. Mischiate la pectina con lo zucchero e mischiateli alla frutta. Mescolate bene. Accendete il fuoco.
    4. Portate a ebollizione su fiamma medio-alta, mescolando spesso. Quando la marmellata inizia a sobbollire, abbassate leggermente la fiamma e fate bollire per 3 minuti.
    5. Versate 1 cucchiaio di marmellata su un piatto, lasciate raffreddare per 30 secondi e, se la marmellata si è addensata, spegnete il fuoco. Se dovesse essere molto liquida, proseguite la cottura per pochi minuti ancora, controllando spesso la consistenza.
    6. Spegnete la fiamma, lasciate riposare 1 minuto, togliete l'evenutale schiuma formatasi in superficie e versate nei vasetti preparati, lasciando 1cm dal bordo. Chiudete subito i vasetti e ribaltateli.
    7. Lasciateli raffreddare completamente prima di rigirarli. Controllate che i coperchi siano ben chiusi e conservate in luogo buio e fresco. La marmellata si conserva per qualche mese, ma durante i primi 2 o 3 mesi il gusto e il colore sono insuperabili.
    8. Se qualche vasetto non fosse chiuso ermeticamente, conservatelo in frigorifero e consumate la marmellata entro 15 giorni.
    9. Servite questa marmellata spalmata su del pane, delle fette biscottate o delle crêpes, ma è ottima anche per insaporire lo yogurt al naturale o per una squisita crostata!

    Come organizzare il lavoro

    Se non avete un imbuto per marmellate, usate un mestolino con beccuccio per versare la marmellata nei vasetti. Io metto della carta assorbente su un tagliere di legno e poggio i vasetti sopra la carta. Così è più facile pulire eventuali schizzi e gocce di marmellata. Tengo sempre a portata di mano della carta assorbente inumidita per pulire il bordo dei vasetti prima di chiuderli. Un canovaccio o un guanto da forno si rivelano utili al momento di chiudere e ribaltare i vasetti. Per praticità, li appoggio tutti su un vassoio, così li sposto facilmente.

    Sterilizzare i vasetti

    Per un sottovuoto sicuro è bene utilizzare dei vasetti perfettamente sterilizzati. In questo articolo e video vi spieghiamo come fare.

    Lette di recente

    Recensioni (0)

    Scrivi una recensione

    Clicca sulle stelline per votare questa ricetta